Eraclito l’oscuro

Hendrik_ter_Brugghen_-_Heraclitus

 

 

 

Pólemos è padre di tutte le cose, di tutte re; e gli uni disvela come dèi e gli altri come uomini, gli uni fa schiavi gli altri liberi.

 

 

 

  • Eraclito di Efeso lo definivano “l’oscuro”1, perchè – a quanto pare – nessuno capiva quel che diceva e, a giudicare da quel che ci resta della sua opera (poche decine di frammenti), effettivamente, potremmo quasi essere tentati di confermare il giudizio: “ “2.

    E’ lo stesso Eraclito, tuttavia, a dissuadere il lettore troppo frettoloso con parole, almeno in questo caso, chiarissime: “ “3.

    L’idea centrale di tutto il pensiero di Eraclito è la constatazione del continuo divenire di tutte le cose: «tutto scorre» (panta rei). Il mondo è caratterizzato da un eterno divenire, da un costante movimento, mutamento, trasformazione di tutte le cose.

    Eraclito arriva infatti a comprendere che la realtà, se guardata con occhio profondo, è segnata irrimediabilmente dal costante alternarsi di principi tra loro opposti: giorno/notte, caldo/freddo, luce/tenebre sono i due poli che, nel loro avvicendarsi senza fine, costituiscono e tengono in vita il mondo. Elementi contrapposti, e proprio per questo – ci insegna Eraclito – destinati a non prevalere mai uno sull’altro, pena la morte dell’universo.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...