Che cos’è la filosofia?

Di questo lógos che è sempre, gli uomini non hanno intelligenza, sia prima di averlo ascoltato sia subito dopo averlo ascoltato; benché infatti tutte le cose accadano secondo lo stesso lógos, essi assomigliano a persone inesperte, pur provandosi in parole ed in opere tali quali sono quelle che io spiego, distinguendo secondo natura ciascuna cosa e dicendo com’è. Ma agli altri uomini rimane celato ciò che fanno da svegli, allo stesso modo che non sono coscienti di cio che fanno dormendo. Eraclito (Efeso, 475-535AC)

Gli uomini sono tratti in inganno riguardo alla conoscenza delle cose visibili allo stesso modo di Omero il quale fu il più sapiente tra tutti gli Elleni. Infatti dei bambini che uccidevano pidocchi lo trassero in inganno dicendogli: ciò che abbiamo visto e abbiamo preso lo lasciamo, ciò che non abbiamo visto né preso lo portiamo. Eraclito

“Chi sono allora, Diotima, quelli che filosofano, se non lo sono né i sapienti né gli ignoranti?” “E’ chiaro anche ad un bambino ormai – disse – che sono quelli a metà tra questi due e che di essi fa parte anche Amore. La sapienza, infatti, fa parte delle cose più belle e Amore è amore del bello, sicché è necessario che Amore sia filosofo e, in quanto filosofo, sia in mezzo tra il sapiente e l’ignorante”. Platone, (Atene 427-347 AC), Simposio

E’ proprio del filosofo essere pieno di meraviglia.
Platone

La filosofia è la musica più grande. Platone, Fedone 61 A

La filosofia è imparare a morire. Platone, Fedone

Gli uomini hanno cominciato a filosofare, ora come in origine, a causa della meraviglia: mentre da principio restavano meravigliati di fronte alle difficoltà più semplici, in seguito, progredendo a poco a poco, giunsero a porsi problemi sempre maggiori: per esempio i problemi riguardanti i fenomeni della luna e quelli del sole e degli altri astri, o i problemi riguardanti la generazione dell’intero universo. Ora, chi prova un senso di dubbio e di meraviglia riconosce di non sapere; ed è per questo che anche colui che ama il mito è, in certo qual modo, filosofo: il mito, infatti, è costituito da un insieme di cose che destano meraviglia. Cosicchè, se gli uomini hanno filosofato per liberarsi dall’ignoranza, è evidente che ricercano il conoscere solo al fine di sapere e non per conseguire qualche utilità pratica. E il modo stesso in cui si sono svolti i fatti lo dimostra: quando già c’era pressochè tutto ciò che necessitava alla vita ed anche all’agiatezza ed al benessere, allora si incominciò a ricercare questa forma di conoscenza. E’ evidente, dunque, che noi non la ricerchiamo per nessun vantaggio che sia estraneo ad essa; e, anzi, è evidente che, come diciamo uomo libero colui che è fine a se stesso e non è asservito ad altri, così questa sola, tra tutte le altre scienze, la diciamo libera: essa sola, infatti, è fine a se stessa. Aristotele (Stagira 384-Calcide 322AC), Metafisica I,2,982b

La filosofia è scienza della verità. Aristotele, Met,II,1,993b

Se si deve filosofare, si deve filosofare e se non si deve filosofare, si deve filosofare; in ogni caso dunque si deve filosofare. Se infatti la filosofia esiste, siamo certamente tenuti a filosofare, dal momento che essa esiste; se invece non esiste, anche in questo caso siamo tenuti a cercare come mai la filosofia non esiste, e cercando facciamo filosofia, dal momento che la ricerca è la causa e l’origine della filosofia. Aristotele, Protreptico

Il filosofo soltanto vive mirando costantemente alla natura ed al divino. Come il buon capitano di una nave, egli ormeggia la sua vita a ciò che è eterno e costante, là getta l’ancora e vive padrone di sè. Aristotele, Protreptico

L’attività filosofica ha un grande vantaggio rispetto a tutte le altre; non si ha cioè bisogno di un particolare strumento, nè di una sede particolare per esercitarla, ma in qualunque punto della terra uno si ponga all’opera con il pensiero, dovunque gli sarà allo stesso modo possibile afferrare la verità, come se essa fosse presente. Così dunque è provato che è possibile dedicarsi alla filosofia, che essa è il maggiore di tutti i beni, e che è facile conseguirla. Per tutti questi motivi, vale la pena di coltivarla con passione. Aristotele, Protreptico

La filosofia è il sapere più nobile proprio perchè non serve a nulla ed è quindi priva del legame di servitù. Aristotele

La filosofia è una barriera contro le leggi scritte. Alcidamante (IV sec. AC)

La filosofia è un farmaco che cura le paure umane, mostrando come a) gli dèi non si curano del mondo; b) la morte non va temuta, perchè quando c’è lei non ci siamo noi e quando ci siamo noi non c’è lei; c) non si deve aver paura del dolore, perchè se é intenso é breve, se é lungo non é intenso; d) la facile raggiungibilità della felicità, che consiste nel piacere. Epicuro (Samo, 341 – Atene, 271 AC)

L’obiettivo della filosofia è la quiete del mare dopo la tempesta. Epicuro

La filosofia è un orto in cui la logica costituisce le mura che demarcano i confini, la fisica rappresenta gli alberi che crescono nell’orto e l’etica costituisce i frutti che pendono dagli alberi. Crisippo (Soli,281/277-Atene, 208/204AC)

La filosofia è un organismo, le cui ossa sono costituite dalla logica, il sangue e la carne sono rappresentate dalla fisica e l’anima dall’etica. Posidonio (Apamea, 135 – Roma, 50 AC)

La durata della vita umana non è che un punto e la sostanza è un flusso, e nebulose ne sono le percezioni, e la composizione del corpo è corruttibile, e l’anima è un turbine, e la fortuna imperscrutabile, e la fama cosa insensata … E dunque, cosa c’è che possa guidare un uomo? Una cosa e solo una, la filosofia. Marco Aurelio (Roma, 121 – Sirmio, 180)

La filosofia è un uovo, il cui guscio è costituito dalla logica, l’albume dalla fisica, il tuorlo dall’etica. (detto degli Stoici)

Chi può dubitare, o mio Lucilio, che degli dèi immortali sia dono la vita, della filosofia la vita onesta? Pertanto sarebbe certo che noi siamo tanto piú tenuti verso la filosofia che verso gli dèi, quanto piú gran beneficio è la vita onesta che la vita, se non fossero stati gli dèi a darci proprio la filosofia: della quale a nessuno essi concessero la conoscenza, a tutti però la capacità di conoscerla. Infatti se anche di questa avessero fatto un bene comune e noi fin dalla nascita fossimo saggi, la saggezza avrebbe perduto la sua caratteristica piú bella, quella di non essere uno dei beni dipendenti dal caso. Orbene essa ha questo di prezioso e di grande, che non ci viene incontro, che ciascuno deve procurarsela e non può ottenerla da un altro. Che cosa ci sarebbe di ammirevole nella filosofia, se essa ci toccasse come un beneficio? uno solo è il suo compito, trovare la verità intorno alle cose divine ed umane: da essa non si allontana la religione, la pietà, la giustizia ed il séguito di tutte le altre virtú intimamente congiunte tra loro. Questa insegnò il culto degli dèi, l’amore verso gli uomini. Seneca, “Lettere a Lucilio

La filosofia non respinge nessuno e non fa speciali scelte: splende per tutti. Seneca

Non c’è niente di così ridicolo che non sia stato detto da qualche filosofo. Cicerone

La filosofia è conoscenza dell’essere in quanto essere; la filosofia è conoscenza delle cose umane e divine; la filosofia è meditazione della morte ; la filosofia è imitazione di dio , per quanto ciò è possibile all’uomo; la filosofia è arte delle arti e scienza delle scienze; la filosofia è amore della sapienza. Ammonio di Ermia

La filosofia è un’ancella della teologia. (Detto medioevale)

La filosofia è una via realmente propedeutica alla fede. Tommaso d’Aquino

La filosofia è una natura invisibile e la natura è una filosofia visibile. Paracelso (Einsiedeln, 1493 – Salisburgo, 1541)

Poiché la filosofia è quella che ci insegna a vivere, e poiché, come tutte le altre età, anche la fanciullezza trova in essa di che imparare, perché non le viene insegnata? Michel de Montaigne (Bordeaux, 1533 – S.Michel de Montaigne, 1592), Saggi
La filosofia non mi sembra mai aver tanto buon gioco come quando combatte la nostra presunzione e vanità, quando riconosce in buona fede la sua incertezza, la sua debolezza e la sua ignoranza . Michel de Montaigne, Saggi

Si rimproverava a Diogene che, essendo ignorante, si occupasse di filosofia: “Me ne occupo”, egli rispose, “tanto più a proposito”. Michel de Montaigne, Saggi

La filosofia è una super-scienza. Francis Bacon (Londra 1561 – 1626)

Ci sono più cose in cielo e in terra che non ne sogni la tua filosofia. William Shakespeare (Stratford-upon-Avon, 1564 – 1616), Amleto

La filosofia è conoscenza acquisita, attraverso il corretto ragionamento degli effetti o fenomeni a partire dai concetti delle loro cause o generazioni, o reciprocamente la conoscenza acquisita delle generazioni possibili a partire dagli effetti conosciuti. Thomas Hobbes (Malmesbury,1588 – Hardwick Hall, 1679), De corpore

La filosofia é come un albero , le cui radici sono la metafisica , il tronco é la fisica , i rami che spuntano dal tronco sono tutti le altre scienze , cioè la medicina , la meccanica e la morale. Renèe Descartes (La Haye en Touraine, 1596 – Stoccolma, 1650), Princìpi di filosofia

Beffarsi della filosofia è filosofare davvero. Blaise Pascal (Clermont Ferrand, 1623 – Parigi, 1662) Pensieri, S. 1-4; B. 1-4

Quando colui che ascolta non capisce colui che parla e colui che parla non sa cosa stia dicendo: questa è filosofia. Voltaire (Parigi, 1694 – 1778)

Filosofo, amatore della saggezza cioè della verità. Voltaire

Filosofare è dare la ragione delle cose o per lo meno cercarla. Denis Diderot (Langres, 1713 – Parigi, 1784)

La filosofia deve rispondere a queste tre domande: a) cosa posso conoscere? b) cosa posso fare? c) cosa posso sperare? Immanuel Kant (Konigsberg, 1724 – 1804), Critica della ragion pratica

La conoscenza filosofica è conoscenza razionale per concetti. Kant, “Critica della ragion pura”,

La coerenza è l’obbligo principale di un filosofo, tuttavia è quello a cui ci si attiene più di rado. Kant

La filosofia, come la medicina, dispone di molti farmaci, poche buone medicine e quasi nessun rimedio specifico. N. de Chamfort (Clermont-Ferrand, 1741 – Parigi, 1794)

La filosofia è scienza della scienza in generale. Johann Gottlieb Fichte (Rammenau, 1762 – Berlino, 1814)

Noi cominciammo a filosofare per orgoglio e fummo portati così a perdere la nostra innocenza; abbiamo scoperto la nostra nudità e d’allora noi filosofiamo per il bisogno della nostra salvezza. Fichte, lettera  a Jacobi, 30 Agosto 1795

La filosofia è il proprio tempo appreso in pensieri. Georg Wilhelm Friedrich Hegel (Stuttgard, 1770 – Berlin, 1831)

La filosofia è la considerazione pensante degli oggetti. Hegel

Per dire ancora una parola a proposito del dare insegnamenti su come dev’essere il mondo, ebbene, per tali insegnamenti in ogni caso la filosofia giunge sempre troppo tardi. In quanto pensiero del mondo essa appare soltanto dopo che la realtà ha compiuto il suo processo di formazione e s’è bell’e assestata. Questo, che il concetto insegna, mostra necessario parimenti la storia, che soltanto nella maturità della realtà l’ideale appare di fronte al reale e che quell’ideale si costruisce il medesimo mondo, appreso nella sostanza di esso, dandogli la figura d’un regno intellettuale. Quando la filosofia dipinge il suo grigio su grigio, allora una figura della vita è invecchiata, e con grigio su grigio essa non si lascia ringiovanire, ma soltanto conoscere; la nottola di Minerva inizia il suo volo soltanto sul far del crepuscolo. Hegel, “Lineamenti di filosofia del diritto” Prefazione

Il punto di vista della filosofia è il punto di vista della ragione, la sua conoscenza è una conoscenza delle cose, come sono in sé, cioè come sono nella ragione. Sta nella natura della filosofia di eliminare totalmente tutte le cose che stanno le une dopo le altre e le une lontane dalle altre, ogni differenza del tempo e in generale ogni differenza che solo l’immaginazione inserisce nel pensiero, in una parola di vedere nelle cose soltanto quello per cui esse esprimono la ragione assoluta, non però, in quanto esse sono oggetti semplicemente di quella riflessione, che si attacca alle leggi del meccanismo e procede nella serie temporale. Friedrich Schelling (Leonberg, 1775 – Bad Ragaz, 1854) “Esposizione del mio sistema filosofico”, 1

La filosofia è rispecchiare astrattamente in concetti l’intera essenza del mondo, e così quale immagine riflessa, deporla nei permanenti e ognora disposti concetti della ragione: questa e non altro è filosofia. Arthur Schopenhauer (Danzica, 1788 – Frankfurt a.M. 1860)

La filosofia è una pianta che prospera soltanto all’aria di montagna, come i rododendri e le stelle alpine. (Schopenhauer)

Il filosofo diventa sempre tale in virtù di una perplessità, che egli cerca di superare…. Ma qui i falsi filosofi si distinguono dai veri, in questo, che nei veri quella perplessità nasce dalla vista diretta del mondo; negli altri invece soltanto da un libro, da un sistema, che si trovano già belli e pronti. (Schopenhauer, “Il mondo come volontà e rappresentazione”, I, 7)

La filosofia è una milizia che deve accettare tutti i problemi del secolo e tendere a trasformare la faccia della terra. Carlo Cattaneo (Parabiago, 1801 – Castagnola, 1869)

La filosofia è la balia asciutta della vita. Veglia sui nostri passi, ma non per allattarci. Soren Kierkegaard (Copenhagen, 1813 – 1855)

I filosofi hanno solo interpretato il mondo in modi diversi; ma il punto ora è di cambiarlo. Karl Marx(Treviri, 1818 – Londra, 1883)

La filosofia è l’adempimento dell’io del singolo, dell’unico. Max Stirner ( Bayreuth, 1806 – Berlino, 1856)

La filosofia è una conoscenza del piú alto grado di universalità. Herbert Spencer (Derby, 1820 – 1903)

La filosofia è una conoscenza di tipo diametralmente opposto rispetto alle conoscenze ricavate soltanto con l’esperienza. Essa si pone come il prodotto finale di quel processo che inizia con un semplice collegamento di osservazioni rozze, prosegue con l’elaborazione di proposizioni sempre piú ampie e distinte dai fatti singoli, e si conclude con proposizioni universali. Per dare una definizione in modo piú semplice e chiaro, diremo: la conoscenza d’infimo grado è non unificata; la scienza è una conoscenza parzialmente unificata; la filosofia è una conoscenza completamente unificata. Spencer, Primi princípi

La filosofia è intuizione del mondo. Wilhelm Dilthey (Wiesbaden-Biebrich, 1833 – Siusi allo Sciliar, 1911) .

Il filosofo deve essere la cattiva coscienza della sua epoca. Fredrich Nietzsche (Röcken, 1844 – Weimar, 1900)

L’ozio è il padre di ogni filosofia. Quindi la filosofia è un vizio? (Nietzsche)

Un filosofo: un filosofo è un uomo che costantemente vive, vede, sente, intuisce, spera, sogna cose straordinarie; che viene colpito dai suoi propri pensieri come se venissero dall’esterno, da sopra e da sotto, come dalla sua specie di avvenimenti e di fulmini; che forse è lui stesso un temporale gravido di nuovi fulmini; un uomo fatale, intorno al quale sempre rimbomba e rumoreggia e si spalancano abissi e aleggia un’aria sinistra. Un filosofo: ahimè, un essere che spesso fugge da se stesso, ha paura di se stesso – ma che è troppo curioso per non ‘tornare a se stesso’ ogni volta. Nietzsche, Al di là del bene e del male, § 292

In ogni filosofare non si è trattato per nulla, fino ad oggi, di “verità”, ma di qualcos’altro, come salute, avvenire, sviluppo, potenza, vita… Nietzsche, La gaia scienza (prefazione alla 2° edizione)

La novità della nostra attuale posizione verso la filosofia è una convinzione che finora non fu propria di nessuna epoca: cioè che non possediamo la verità! Nietzsche

I veri filosofi sono coloro che comandano e legiferano: essi affermano “così deve essere!”, essi determinano in primo luogo il “dove” e l’”a che scopo” degli uomini e così facendo dispongono del lavoro preparatorio di tutti gli operai della filosofia, di tutti i soggiogatori del passato — essi protendono verso l’avvenire la loro mano creatrice e tutto quanto è ed è stato diventa per essi mezzo, strumento, martello. Il loro “conoscere” è creare, il loro creare è una legislazione, la loro volontà di verità è volontà di potenza. — Esistono oggi tali filosofi? Sono già esistiti tali filosofi? Non devono forse esistere tali filosofi? Nietzsche, Al di là del bene e del male

La filosofia, così come io l’ho vissuta e intesa fino ad oggi, è vita volontaria fra i ghiacci e le alture -ricerca di tutto ciò che l’esistenza ha di estraneo e problematico, di tutto ciò che finora era proscritto dalla morale. Attraverso una lunga esperienza di itinerari nel proibito, ho imparato a considerare le cause che fino a oggi si è moralizzato e idealizzato in modo assai diverso da quello che che comunemente si richiede: mi si è fatta luce sulla storia segreta dei filosofi, sulla psicologia dei grandi nomi. -Quanta verità può sopportare, quanta verità può osare un uomo? Questa è diventata la mia vera unità di misura, sempre più. Nietzsche, “Ecce homo”

Si possono concepire i filosofi come persone che compiono sforzi estremi per sperimentare fino a che altezza l’uomo possa elevarsi. Nietzsche, “La volontà di potenza

Discendiamo all’interno di noi stessi: più sarà profondo il punto a cui arriveremo, più forte sarà la spinta che ci farà risalire alla superficie. L’intuizione filosofica è questo contatto, la filosofia questo slancio. Henri Bergson (Parigi, 1859 – Auteuil,1941)

Filosofare consiste nell’invertire la direzione abituale del lavoro del pensiero. Henri Bergson

Un sistema filosofico è una casa che, subito dopo costruita e adornata, ha bisogno di un lavorio, più o meno energico, ma assiduo di manutenzione, e che a un certo punto non giova più restaurare e puntellare, e bisogna gettare a terra e ricostruire dalle fondamenta. Ma con siffatta differenza capitale: che, nell’opera del pensiero, la casa perpetuamente nuova è sostenuta perpetuamente dall’antica, la quale, quasi per opera magica, perdura in essa. Benedetto Croce (Pescasseroli,1866 – Napoli, 1952) Breviario di estetica

I veri filosofi, se ne avvedessero o no, non hanno mai fatto altro che rinvigorire e raffinare i concetti per far sì che meglio si intendano i fatti, cioè la realtà, cioè la storia. Croce

Fu settantacinque anni or sono: sulla fine del 1875; avevo meno di dieci anni e da poco tempo ero entrato in collegio. Una notte, a una sensibile scossa di terremoto in Napoli, tutto il collegio si svegliò o fu svegliato; gli alunni, grandi e piccoli, si rivestirono, e le classi o “camerate” si confusero nella stanza più ampia, allegri, come sono i ragazzi quando accade qualcosa di improvviso e ne nasce confusione. Tra i presenti era un giovane prete, sottile, ascetico, uno dei nostri preferiti, che leggeva, come sempre, tutto intento in un fascicolo che aveva tra mani. – Ma che cosa legge don Leonardo? – domandai a un compagno bene informato. – Legge filosofia. – E che significa filosofia? – È una cosa di cui nessuno capisce niente. – Io restai a lungo con questa definizione in mente e con la correlativa impressione: che è poi l’idea che ne ha e ne avrà sempre la stragrande maggioranza degli uomini. E giova che ciò sia, e la filosofia mantenga un certo carattere di esoterismo che segni lo sforzo con cui lo spirito passa dalla conoscenza delle cose a quella del sè stesso che le ha prodotte. Ma io rido talvolta tra me e me, al ricordo di quello che fu il mio primo incontro con la signora Filosofia, alla quale ho poi dovuto consacrare tanta parte del mio tempo. B. Croce, da Quaderni della “Critica” marzo 1950 n. 16, pagina 126,

La filosofia è metodologia della storiografia. Croce

Superficialmente, direi che la scienza è quel che sappiamo e la filosofia è quel che non sappiamo. È una definizione semplice e per questa ragione le domande si trasferiscono dalla filosofia alla scienza, man mano che il sapere progredisce. Bertrand Russell (Ravenscroft, 1872 – Penrhyndeudraeth, 1970)

La filosofia è un tentativo straordinariamente ingegnoso di pensare erroneamente. (B. Russell)

La filosofia è il grande sforzo che il pensiero compie per abbracciare e unificare tutte le differenti attività dell’uomo, per legarle ad un centro comune. Ernst Cassirer (Breslavia, 1874 – New York, 1945) Simbolo, mito e cultura

La filosofia è teoria generale dello spirito. Giovanni Gentile (Castelvetrano, 1875 – Firenze, 1944)

Ritengo che la filosofia sia la scienza generale dell’amore; dentro l’universo intellettuale rappresenta il maggior impulso verso una connessione globale. José Ortega y Gasset (Madrid, 1883-1955) Meditazioni sul Chisciotte

La filosofia è una scienza senza supposizioni. (Ortega y Gasset)

Quando in una strada solitaria l’auto si arresta spontaneamente il conducente, che non è un buon meccanico, si sente perduto e darebbe qualsiasi cosa per sapere cos’è l’automobile dal punto di vista meccanico. In questo caso la perdizione è minima (…). Ma, a volte, resta in panne la nostra vita intera, perché tutte le convinzioni fondamentali sono diventate problematiche (…). L’uomo, allora, riscopre, sotto quel sistema di opinioni, il caos primigenio con cui è stata fatta la sostanza più autentica della nostra vita. Incomincia a sentirsi assolutamente naufrago; di qui l’assoluta necessità di salvarsi, di costruire un essere più sicuro. Allora si ritorna alla filosofia. Ortega y Gasset, Cosa è filosofia?

La filosofia è ontologia universale e fenomenologica, movente dall’ermeneutica dell’esserci. Martin Heidegger, (Messkirch 1889 – Friburgo in Brisgovia 1976) Essere e Tempo

La filosofia è ontologia universale e fenomenologica, muovente dall’ermeneutica dell’Esserci, la quale in quanto analitica dell’esistenza, ha assicurato il termine del filo conduttore di ogni indagine filosofica nel punto dove l’indagine sorge e infine ritorna. Heidegger, “Essere e Tempo”

Si possono dire solo poche cose sulla filosofia. Anziché spiegare lungamente quale sia la sua essenza, ci limitiamo a dire che cosa faccia parte del filosofare: che il filosofo si riserva la possibilità di sbagliare. Questo coraggio dell’errore non significa solo che egli abbia il coraggio di sopportarlo, ma molto di più: il coraggio di ammetterlo, questo coraggio è cioè quello dell’intimo sacrificio del proprio se stesso nella capacità di ascoltare e imparare, il coraggio del dibattito positivo. M. Heidegger, Logica. Il problema della verità, Introduzione

Quando e nella misura in cui una scienza, procedendo al di sopra dell’esattezza, perviene a una verità (cioè a un essenziale scoprimento dell’ente come tale), essa è filosofia. Heidegger, “L’origine dell’opera d’arte”

La filosofia è un prurito. Ludwig Wittgenstein (Vienna, 1889 – Cambridge1951)

Non possono esserci nuove scoperte in filosofia: tutto ciò che è rilevante in un problema filosofico è perfettamente visibile nell’uso delle parole governato da regole. Tutte le informazioni che ci occorrono si trovano nelle nostre conoscenze circa il modo di usare le parole che usiamo, e di questo dobbiamo solo ricordarci. Wittgenstein

La filosofia non è una dottrina ma una attività. Un’opera filosofica consiste essenzialmente in delucidazioni. Frutto della filosofia non sono ‘proposizioni filosofiche’ bensì il chiarificarsi delle proposizioni. La filosofia deve rendere chiare e delimitare con precisione le idee che altrimenti sarebbero, per così dire, torbide e confuse. Wittgenstein, Tractatus logico-philosophicus

La filosofia è una lotta contro l’incantesimo del nostro intelletto, per mezzo del nostro linguaggio. (Wittgenstein, “Ricerche filosofiche”)

Il compito della filosofia è di risolvere e dissolvere i problemi filosofici mediante la chiarificazione di ciò che ha senso. […] Compito della filosofia non è tanto risolvere una contraddizione o un paradosso mediante un’innovazione concettuale, quanto ottenere una visione chiara della struttura concettuale che ci assilla: si tratta di accertare lo stato delle cose prima che la contraddizione sia risolta. (Wittgenstein)

La gente, osservava, dice sempre che la filosofia non fa progressi e che gli stessi problemi filosofici che già impegnavano i greci continuano ad occuparci anche oggi. Ma chi parla in questo modo non comprende perché le cose stiano così. Il motivo è che il nostro linguaggio è rimasto lo stesso e ci porta sempre verso gli stessi quesiti. Fin tanto che esisterà un verbo “essere” che pare funzionare come i verbi “mangiare” e “bere”, fin tanto che vi saranno aggettivi come “identico”, “vero”, “falso”, “possibile”, fin tanto che gli uomini parleranno di uno scorrere del tempo e dell’estensione dello spazio ecc.; fin tanto che si verificherà tutto ciò, gli uomini andranno a urtare contro le stesse noiose difficoltà e continueranno a guardare fisso qualcosa che nessuna spiegazione sembra in grado di eliminare. (Wittgenstein)

Il primo dovere del filosofo consiste nel pronunciarsi chiaramente sui limiti delle proprie conoscenze e riconoscere che vi sono dei campi in cui la sua incompetenza è assoluta. Gabriel Marcel (1889-1973), “Gli uomini contro l’umano”

La filosofia è un ordine intellettuale, ciò che non possono essere né la religione né il senso comune … nella realtà … (non) coincidono, ma la religione è un elemento del disgregato senso comune … La religione e il senso comune non possono costituire un ordine intellettuale perché non possono ridursi a unità e coerenza neanche nella coscienza individuale per non parlare della coscienza collettiva: non possono ridursi ad unità e coerenza liberamente, perché autoritariamente ciò potrebbe avvenire come infatti è avvenuto nel passato entro certi limiti. Antonio Gramsci (Ales, 1891 – Roma, 1937

La filosofia è lo sforzo consapevole di fondere tutto ciò che sappiamo per esperienza o intuizione in una struttura linguistica in cui tutte le cose saranno chiamate con il loro giusto nome. Max Horkheimer (Stoccarda, 1895 – Norimberga, 1973)  Eclisse della ragione

La filosofia è una presa di posizione ragionata sulla totalità del reale. Jean Piaget (Neuchatel, 1896 – Ginevra, 1980)

• Tutti gli uomini sono filosofi, perché in un modo o nell’altro assumono un atteggiamento nei confronti della vita e della morte. Karl Popper (Vienna 1902 – Londra 1994)

Non importa quali metodi un filosofo possa usare, purché abbia un problema interessante e tenti sinceramente di risolverlo. (Popper)

La filosofia che una volta sembrò superata, si mantiene in vita perchè è stato mancato il momento della sua realizzazione. Theodor W. Adorno, (Frankfurt a.M., 1903 – Visp, 1969) Dialettica negativa

La filosofia è riflessione al quadrato. (T. Adorno)

La filosofia, quale solo potrebbe giustificarsi al cospetto della disperazione, è il tentativo di considerare tutte le cose come si presenterebbero dal punto di vista della redenzione. La conoscenza non ha altra luce che non sia quella che emana dalla redenzione sul mondo […]. Si tratta di stabilire prospettive in cui il mondo si dissesti, si estranei, riveli le sue fratture e le sue crepe, come apparirà un giorno, deformato e manchevole, nella luce messianica. Ottenere queste prospettive senza arbitrio e violenza, dal semplice contatto con gli oggetti, questo, e questo soltanto, è il compito del pensiero. T. W. Adorno, Minima moralia

A che serve la filosofia se non è capace di rendere conto di un uomo? Jean Paul Sartre (Parigi, 1905 – 1980) L’idiota di famiglia

• Tutti i termini filosofici sono metafore, analogie, per così dire congelate, il cui significato autentico si dischiude quando la parola sia riportata al contesto d’origine, certo presente in modo vivido e intenso alla mente del primo filosofo che la impiegò.  Hanna Arendt (Linden, 1906 – New York, 1975) La vita della mente

Io non credo che possa esistere qualche processo di pensiero senza esperienze personali. Tutto il pensiero è meditazioni (Nachdenken), pensare in seguito a una cosa. Hanna Arendt, La lingua materna

• Sono convinta che l’infelicità per un verso e la gioia per l’altro verso, la gioia come adesione totale e pura alla bellezza perfetta, implicano entrambe la perdita dell’esistenza personale e sono quindi le due sole chiavi con cui si possa entrare nel paese puro, nel paese respirabile, nel paese del reale. Simone Weil (1909-1943)

Il metodo proprio della filosofia consiste nel concepire in modo chiaro i problemi insolubili nella loro insolubilità, quindi contemplarli senz’altro, fissamente, instancabilmente, per anni, senza nessuna speranza, nell’attesa (en upomoné; in patientia). Se ci atteniamo a questo criterio, ci sono pochi filosofi. Pochi è già dire tanto. Simone Weil, Quaderni IV

Esiste un solo problema filosofico veramente serio: il suicidio. Giudicare se la vita vale o non vale la pena di essere vissuta significa rispondere alla questione fondamentale della filosofia. Albert Camus (Mondovi, 1913 – Villeblevin, 1960)  Il mito di Sisifo

La Filosofia non è un singola Cosa Buona destinata ad arricchire l’esistenza umana: è una pozione di streghe, i cui ingredienti sono spesso mortali. Non pochi degli attacchi portati alla vita, alla libertà e alla felicità hanno avuto un fortissimo sostegno filosofico. Paul Feyerabend (Vienna, 1924 – Genolier, 1994) Conquest of Abundance

La filosofia è una critica dei pregiudizi. James Dewey, “Esperienza e natura”

La filosofia può essere considerata come una cartolina postale che è stata scritta con l’intenzione di arrivare a destinazione ma che in realtà non lo fa. La filosofia che raggiunge la destinazione e che si distrugge in quest’ ultima cessa di essere filosofia vera. Jacques Derrida, “La carte postale”

La filosofia è questo: fare cose non particolarmente utili . Vladimir Jankélévitch, Pensare la morte?

Il filosofo deve diventare non filosofo per continuare a fare filosofia. Deleuze

La filosofia è far concetti. Deleuze & Guattari, “Che cos’è la filosofia?”

La filosofia è una cosa per spiriti forti. Antonio Banfi

Ogni vero filosofo è un maestro o compagno di ricerca, la cui voce ci giunge affievolita attraverso il tempo, ma può avere per noi, per i problemi che ora ci occupano, un’importanza decisiva. Nicola Abbagnano, Prefazione alla “Storia della filosofia”

Il termine greco filosofo è stato forgiato in opposizione al termine sophòs. Esso sta a significare colui che ama la conoscenza. (…) L’essenza della filosofia sta infatti non nel possesso della verità, ma nella sua ricerca. Il suo maggior pericolo è quello di capovolgersi in dogmatismo, cioè in un sapere costituito da affermazioni compiute, definitive, esaustive semplicemente da tramandarsi. Filosofia significa in verità: essere in cammino. Karl Jaspers

Il filosofo ha innanzitutto la responsabilità di conservare e trasmettere l’immenso patrimonio che la storia della filosofia ci ha tramandato fin dai presocratici […]. In secondo luogo, la filosofia deve restare aperta alle scienze e allo spirito scientifico. È, questo, l’aspetto epistemologico del suo compito […]. In secondo luogo, la filosofia deve restare aperta alle scienze e allo spirito scientifico. È, questo, l’aspetto epistemologico del suo compito […]. In terzo luogo, la filosofia si scopre essa stessa una pratica teorica, il più delle volte legata all’esercizio pubblico del discorso nell’ambito dell’insegnamento universitario, o nel settore più vasto del mondo dell’editoria. Paul Ricoeur 

La filosofia è così anzitutto un genere di scrittura. Esso è delimitato, come ogni genere letterario, non dalla forma o dal contenuto, ma dalla tradizione, un romanzo familiare che comprende, per esempio, papà Parmenide, il vecchio e onesto zio Kant e il fratello cattivo Derrida. Richard Rorty (New York, 1931-2007

La filosofia è sempre una forma di alto dilettantismo, in cui qualcuno, per tanto che abbia letto, parla sempre di cose su cui non si è preparato abbastanza. Umberto Eco (Alessandria, 1932)

La filosofia è una scienza storica […] nel senso che è nata con una storia della cultura e con una certa cultura storica. Gianni Vattimo (Torino,1936), “Vocazione e responsabilità del filosofo”

La filosofia è una fatica di Sisifo. E’ sempre un disperato cercare di rispondere a quelle cinque-sei domande fondamentali […].Ma è inutile la fatica di Sisifo? Potrebbe servire a rafforzare i muscoli Salvatore Veca(Roma, 1943)

La filosofia è una disposizione naturale dell’essere umano. Ogni bambino, dopo i sei anni, si chiede che cos’è la morte (Hans Georg Gadamer)

La filosofia non è qualcosa di già fatto (…). In ogni uomo, la filosofia è una cosa che deve essere costruita con uno sforzo personale. (Xavier Zubiri, “Natura, Storia, Dio”)

L’uomo che ha gustato una volta i frutti della filosofia, che ha imparato a conoscere i suoi sistemi, e che allora, immancabilmente, li ha ammirati come i beni più alti della cultura, non può più rinunciare alla filosofia e al filosofare. (Edmund Husserl, “La crisi delle scienze europee e la fenomenologia”)

Noi siamo riusciti a comprendere, anche se solo nelle linee più generali, come il filosofare umano e i suoi risultati non abbia affatto il significato puramente privato o comunque limitato di uno scopo culturale. Noi siamo dunque- e come potremmo dimenticarlo?-, nel nostro filosofare, funzionari dell’umanità. (Husserl)

Il compito del filosofo, lo scopo della sua vita di filosofo: una scienza universale del mondo, un sapere universale, definitivo, un universo delle verità in sé attorno a mondo, al mondo in sé. (Husserl, “La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale”)

La filosofia è una scienza molto importante nella vita: essa ci permette di accettare con un sorriso tutte le disgrazie che capitano agli altri. Giancarlo Cazzaniga

La filosofia è innanzitutto una forza di interrogazione e di riflessione che verte sui grandi problemi della conoscenza e della condizione umana. Edgar Morin, La tete bien faite

La filosofia non è un tempio, ma un cantiere. (Georges Canguilhem)

La filosofia è una riflessione per la quale ogni materia estranea è buona, anzi, potremmo dire: per la quale ogni buona materia dev’essere estranea. (Canguilhem)

La filosofia è l’ultimo aspetto sotto il quale si perpetuano le due forze illusorie dalle quali precisamente tutto il pensiero moderno ha teso ed è riuscito, negli altri ambiti della vita intellettuale, a liberare lo spirito umano: la religione e la retorica. J.F. Revel, “Pourquoi des philosophes?”

La filosofia è trasformazione del sacro in divino. Maria Zambrano (Vélez-Malaga, 1904 – Madrid 1991)

La filosofia ha il compito critico primario di far cadere ogni barriera fra i diversi campi della cultura e affermarsi come ricerca aperta e antidogmatica. Enzo Paci (Monterado, 1911 – Milano, 1976)

La filosofia è una cosa troppo seria per essere lasciata ai soli filosofi. John Wheeler (1911 – 2008)

Il buon senso è equilibrio. La filosofia sposta l’equilibrio altrove. G. Romano Bacchin (1929 – 1995)

La filosofia è la palingenesi obliterante dell’io subcosciente che si infutura nell’archetipo dell’antropomorfismo universale. (Ignoto)

La filosofia è quella cosa, con la quale o senza la quale, tutto rimane tale e quale (Aldo Augurio)

_______________________________________
* Molte di queste definizioni sono riprese dal sito www.filosofico.net, al quale rimando volentieri anche per il molto materiale interessante che ospita.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...